La Tarantella del Lu Cacare e la Storia Ncoppa lo Cacare

Trascrizioni con testo a fronte

Tarantella de lu cacare

autore Roberto De Simone
album Quant'è Bello Lu Murire Acciso
Etichetta RCA ‎– TBL1 1197
uscita 1976

Testo originale

Nun magnate vermicielli ca ve ne jate cu 'e lampiuncielli
Nun magnate capitone ca ve ne jate cu 'o carrettone

Nun magnate alice crure ca so' guaje e so' delure
ma cacate sulamente a la faccia 'e chi ve sente

Cacature allerta allerta, state zitte a bocca aperta
bella cosa è lu cacare, assaj cchiù de lu magnare

Pe magnà ce sude e stiente, pe cacà nun ce vo' niente
basta sulo ca te sbrache, ca t'acale, appuze e cache

Doppo fatte na magnata, quant'appriezze na cacata
e cacanno gira e vote, magnarrisse n'ata vota

Da che po' lu munno è stato, tutte quante hanno cacato,
si quaccuno nun l'ha fatto, nun po' di' che è soddisfatto

Po' cacà tutta la gente, lu signore, lu pezzente,
sia surdato o generale, a cacà so' tutt'eguale

Pure a 'e tiempe 'e Gnora Vava sempe bbuono se cacava
e pe fare stu servizio, se campava cchiù cu sfizio

Ca uno è nobbile o che è ricco, si non caca more sicco
ca uno è nu presidente, si nun caca nun è niente

Fosse pure 'o Re de Spagna, si nun caca nun guadagna
fosse pure 'o Papa 'ntrono, si nun caca nun perdona

Quanno caca na signora, s'arrecrea cchiù de n'ora
e si magna 'e panzarotte, magna a'e ssette e caca all'otto

E si magna pummarola, quanno caca se cunsola,
e si magna lu suffritto, fa li strunze cchiù deritte

Quanno caca na badessa, pare ca se dice messa
e chiammanno 'o sacrestano fa sunare li ccampane

Accussì Pulecenella caca a tiempo 'e tarantella
primma allerta e po' assettato quanno pensa a'a nnammurata

Ogni ceto, ogne persone, pe cacà a suddisfazione
ha da aprì lu pertusillo, pe fà ascire lu strunzillo

Sta canzone è fatta apposta pe cacà senza proposta,
e ce vole lu sceruppo si nun cache senza 'ntuppo

Quanno cache è nu piacere e te siente cchiù liggiero
po' sentennote felice, sta cacata benedice

E si cache mmieza 'a via, te cunzuole e t'arrecrie
e si cache nterr'o mare, t'arrifrische stu panaro

Chi nun sa cacà a lu munno campa quadro e more tunno
e chi nun fa sta spremmuta, fa la faccia cchù gialluta

È nu fatto d''a natura ca ce vo lu cacaturo,
si a cacare core mio vene sempe lu gulìo

Pe magnare ogni nazione fa la revoluzione
mentre invece, pe cacare, nun s'alluca e nun se spara

Tarantella, tarantella, viva chesta cacarella,
si cacanno può cantare comm'è bello lu cacare.

Italiano

Non mangiate vermicelli, altrimenti ve ne andate con Lampiuncielli1
Non mangiate capitone2 altrimenti ve ne andate col Carrettone3

Non mangiate Alici crude che causano guai e dolori
Ma cacate solamente alla faccia di chi vi sente

Cacatori all'erta all'erta state zitti e a bocca aperta
Che bello cacare, molto più, certo, di mangiare

per mangiare sudi e stenti, per cacare invece non ci vuol niente
Basta solo che ti sbraghi, che t'abbassi, spingi e cachi.

Dopo una gran mangiata, quant'è bella una cacata,
e mangiando, gira e volta, cacheresti un'altra volta

Da che il mondo è mondo, tutti quanti hanno cacato,
se qualcuno non l'ha fatto non può dirsi soddisfatto

Possono cacare tutti, i signori e i pezzenti
sia soldati che generali, a cacar son tutti eguali

Pure ai tempi della 'Gnora Vava4 si cacava per bene
e per fare 'sto servizio, lo si viveva con più sfizio

Anche se sei nobile o ricco, se non cachi ci rimani secco
Anche se uno è presidente, se non caca non conta niente.

Fosse pure il Re di Spagna, se non caca non guadagna
Fosse pure il Papa sul suo trono, se non caca non perdona

Quando caca una signora, si diverte per un'ora
E se mangia panzerotti, mangia alle sette, li caca alle otto

E se mangia pomodori, quando caca si consola
E se mangia soffritto fa uno stronzo bello dritto

Quando caca una Badessa pare che si dica messa
e chiamando il sacrestano fan suonare le campane

E così Pulcinella caca a tempo di tarantella
Prima in piedi e poi seduto, quando pensa all'innamorata!

Ogni certo, ogni nazione può cacare soddisfatto
deve aprire il piccolo orifizio per far uscire lo stronzino

Questa canzone è fatta apposta per cacar senza proposta,
se ci vuole lo sciroppo se non cachi senza intoppo.

Quando cachi è un piacere, e ti senti più leggero
e poi sentendoti felice questa cacata benedici

E se cachi per strada, ti consoli e ti diverti
se cachi laggiù, a mare, ti rinfreschi il panaro5

Chi non sa cacare in questo mondo, campa quadro e muore tondo
e chi non fa questa spremuta, fa la faccia ingiallita

È una cosa di natura, che vuole un cacatoio,
se a cacare, cuore mio, viene sempre "lu gulio"6

Per mangiare ogni nazione fa la rivoluzione
mentre invece per cacare, non si urla e non si spara

Tarantella tarantella viva questa cacarella
se cacando puoi cantare, quant'è bello cacare!


Storia ncoppa lo cacare

copertina originale

Scheda bibliografica
scansione libretto originale

Testo originale

Trovannese no famuso cacatore cacanno a un luogo de Campagna mmite1  l'amice a la stessa funzione insieme co isso, se se vonno sanà co na cacata.

Presso M. Avallone

Cacature allerta, allerta
Via sentite a bocc'aperta,
Bella cosa e lo cacare,
Megl'assai de lo mmagnare.

Pemagnà uce2 sude, e stiente
Pe cacà nun ce vò niente?
Vastà solo che te sbrache,
Che t'accurge, appuz'e cache3.

Pe magnà ncesò fracasse,
Co criale, e co bajasse4,
Pe cacare, spisso spisso
Te lo bide tu e isso5.

Ao dint'a lo mmagnare
Quacche broglia6 po schiaffare7
Quanno chache dì che torna
Un schiaffarete de corna;

Tutte chelle nfermità,
Che uno ave pe magnà
Chiaramente tutto sanno
Ca se leva lo cacà.

Ogni medico perfetto
Lo mmagnà te dà a stecchetto
Ma pe farete sanare
Te da robba pe cacare.

Doppo fatta na magnata,
Quant'appriezze na cacata
E cacanno gira, o bota,
Magnarisse nauta vota.

Pe tre ghiuorno se po stare
Senz'affatto mazzecare8
De cacare lo trebuto
Ve mantiene no minuto.

Da che po lo Munno, è stato;
Tutte quante hanno cacato,
Su quaccuno non l'ha fatto
Oh nisclisso9, è ghiuto nquatto10.

Vo cacà lo Taliano,
Lo Spagnuolo, L'africano,
Vo Cacà lo Genovese,
Lo Todisco e lo Francese.

Vo cacare lo Sargente,
Lo Signore, lo pezzente
Vo carà lo Cavaliere,
Lo Barone, o lo banchiero.

Ogne ceto de persona
Pe cacare a sfazione
Add'aprì lo pertusillo
Pe fascire lo stronzillo

Sto trebuto de natura,
Pe sarvà la Creatura
Non nce scusa, ne nce caso
tutte nc'hanno a da de naso.

Chi non sà cacà a lo munno,
Se pò di ca è muorto tuono,
Po chi caca non è scuorno,
Ca a la fine n'è quà cuorno

No lo chi proscastenanno
Pogni pizzo va cacanno
Ca si cache troppo arrasso11
Può patì Colacapasso12.

Chisto luogo è fatto apposto;
Pe cacà senza proposta,
Nun nce vole lo sceruppo,
Ca se caca senza intuppo.

A vista de sta Campagna
Se nce caca, e se nce magna
Chisto luogo, core mio
De cacà te fa golio13

Si t'affacce, si nce trase
Nce daje cierto ciente vase,
Cac'amico scuorno,
Se non basta pò nce tuorno.

Ca uno è Nobile e ca è Ricco.
Si non caca more sicco,
Ca un' è no presidente,
Si non caca non è niente.

A che ba nn degnità
Si nou ha modo pe cacà
Ogne gusto ntorza ncanno
si nun cache ad ogne banna.

Si non cache poveriello
T'abbicine a lo maciello,
Criescierrà l'appocondria14
E pò criepe arrossosia15,

Magna caca, caca e magna,
Si vuò ste sempre ncoccagna,
Va dicimmo Amice care.
Viva, viva lo CACARE

SCOMPETURA

(Anonimo napoletano)

Italiano

Trovandosi un famoso cacatore cacando in un luogo di campagna, invita gli amici alla stessa funzione insieme a lui, se vogliono sanarsi con una cacata.

Presso M. Avallone

Cacatoi all'erta, all'erta
Via sentite a bocca aperta,
Bella cosa è il cacare
Assai meglio del mangiare

Per mangiare si suda e stenta
Per cacare non ci vuol niente
Basta solo che ti sbrachi
Che ti cali, spingi e cachi.

Per mangiare ci sono fracassi
Con servi e fantesche
Per cacare spesso spesso
Te la vedi da solo.

Dentro al mangiare
Qualche spina può finire
Quando cachi ti ritorna
Come fossero corna

Tutte quelle infermità
che uno ha per aver mangiato
Chiaramente tutti sanno
Che si levano cacando

Ogni medico perfetto
Il mangiar ti dà a stecchetto
Ma per farti risanare
Ti da roba per cacare

Dopo fatta una magnata,
Quanto apprezzi una cacata
E cacando gira e volta,
Mangeresti un altra volta

Per tre giorni si può stare
Senza affatto masticare
Di cacare il tributo
Vi mantiene un minuto

Da che il mondo è mondo
Tutti quanti hanno cacato
Se qualcuno non l'ha fatto
Oh poveraccio, si è bloccato

Vuol cacare l'Italiano,
Lo Spagnolo, L'Africano
Vuol cacare il Genovese,
Il Tedesco ed il Francese

Vuol cacare il Sergente
Il Signore, il pezzente
Vuol cacare il Cavaliere
Il Barone, o il banchiere

Ogni ceto di persona
Per cacare con soddisfazione
Deve aprire il buchetto
Per fare uscire lo stronzetto

Questo tributo di natura
Per salvare la Creatura
Non c'è scusa, non c'è caso
Tutti devon dar di naso

Chi non sa cacare al mondo
Si può dire che è morto tondo
Poi chi caca non è vergogna
Che alla fine non ha corno

Non chi va procrastinando
Dappertutto va cacando
Che se cachi troppo lontano
Puoi patire la diarrea

Questo luogo è fatto apposta
Per cacare senza proposta,
Non ci vuole lo sciroppo,
Se si caca senza intoppo.

Alla vista di questa Campagna
Ci si caca e ci si mangia
Questo luogo, cuore mio
Di cacare ti dà desiderio

Se ti affacci, se ci entri
Gli dai certo cento baci,
Caca amico (senza) vergogna
Se non basta poi ci torno

Che uno è Nobile e che è Ricco
Se non caca muore secco,
Che uno è un presidente
Se non caca non è niente

A che vale una dignità
Se non hai modo di cacare
Ogni sapore si incastra in gola
Se non cachi dappertutto

Se non cachi poverello
Ti avvicini al macello
Crescerà la malinconia
E poi crepi, non sia mai

Mangia caca, caca e mangia,
Se vuoi star sempre in cuccagna
Su diciamo Amici cari
Viva viva il CACARE

FINE

Scarica il EPUB.